Febbraio 28, 2024

Cos’è il corso OSS e quali sono i requisiti

Cos'è il corso OSS e quali sono i requisiti

Il corso OSS è un’opportunità fornita dalla regione Lazio ed è estremamente utile per chiunque voglia entrare in questo ambiente lavorativo. Per fare ciò, è necessario prima formarsi tramite dei corsi appositi, stabiliti da enti autorevoli e dove le informazioni e stage formativi vengono organizzati da persone esperte nel settore e professioniste.
Il corso per operatore socio sanitario della regione Lazio consente, alla fine, di ottenere un certificato valido non solo in territorio nazionale ma anche all’interno dell’Unione Europea. Vi sono dei requisiti ben specifici al fine di potervi accedere. La propria età deve essere minimo 18 anni e un diploma delle scuole medie.
Oltretutto, è necessario avere una ottima conoscenza della lingua italiana: per i cittadini stranieri che intendono svolgere questo corso, è necessario avere una certificazione di lingua italiana pari al livello B1 stabilito dalle normative europee. Per i cittadini extracomunitari che vogliono affrontare questo corso invece è richiesto un permesso di soggiorno regolare e che sia valido durante l’intero corso.

Informazioni sul corso

Il corso in questione comporta svariati vantaggi e consente di entrare all’interno del settore lavorativo apposito una volta terminato e ottenuto il certificato, valido in territori nazionale ed internazionale. Il corso ha una durata complessiva di 1012 ore, di cui 562 si svolgono all’interno di un’aula con una formazione teorica mentre le restanti 450 vengono effettuate tramite dei tirocini: le strutture che ospitano questi tirocini curricolari sono per metà sanitarie e per metà residenziali, socioassistenziali e semiresidenziali.
Sulle 1012 ore totali del corso è possibile fare solo delle assenze pari al 10% del totale e tale frequenza è pertanto obbligatoria. L’esame finale sarà necessario al fine di valutare gli allievi e le allieve che intendono diventare professionisti OSS e si può tenere presso due sedi di Roma.
L’esame finale del corso OSS prevede sia la presenza dei docenti degli allievi e allieve, sia una commissione esterna, la quale è nominata dalla regione.
Sono ammessi esclusivamente gli individui che hanno ottenuto una frequenza del 90% sull’interno corso, mentre l’80% di frequenza è ammesso per chi ottiene dei pareri favorevoli sotto forma di documento da parte di formatori e docenti.
L’esame finale del corso OSS in questione si distingue in tre parti: si inizia con un test dalle risposte multiple, seguito da una prova pratica e infine un colloquio con i propri insegnanti. Le prime due prove risultano fondamentali in quanto si verificano le conoscenze teoriche e pratiche rispettivamente ottenute durante le ore in aula e i tirocini curricolari presso le strutture apposite.
Alla fine dell’esame finale del corso per diventare professionisti OSS sarà possibile rilasciare una qualifica, la quale attesterà come sarà possibile lavorare all’interno di questo ambito lavorativo non solo in Italia, ma anche all’interno dell’Europa. Tutte le date e gli orari appartenenti allo stage formativo e ai tirocini curricolari verranno direttamente presentati durante il corso. Se si vogliono ottenere maggiori informazioni riguardanti il corso oss a Roma è possibile visitare la seguente pagina web: https://www.corsi-oss-roma.it/.

Quali sono gli sbocchi professionali

La qualifica ottenuta al termine del corso oss autorizzato dalla regione Lazio consente di svolgere differenti mansioni lavorative. Nello specifico, l’operatore socio-sanitario in quanto figura professionale si occupa di svolgere delle attività all’interno di strutture uguali a quelle dove si è fatto il tirocinio curricolare, ossia: ospedali, strutture semiresidenziali, strutture residenziali e a seconda delle necessità anche domicili.
Vi sono anche delle mansioni verso i disabili e gli anziani che vengono effettuate all’interno di istituti, policlinici universitari oppure cliniche. In alternativa a queste strutture sono anche presenti ospedali oppure istituzioni specialistiche, come le case di cura.