Febbraio 28, 2024

Tutti i prodotti Made by Google utilizzano ora materiali riciclati

Tutti i prodotti Made by Google utilizzano ora materiali riciclati

La decisione di Apple di escludere un caricabatterie dalla scatola dell’iPhone 12 ha, non sorprendentemente, suscitato qualche polemica, ma ha anche scatenato discussioni sull’ecologia nel mondo della telefonia mobile. Fedele alla sua immagine pionieristica, si ipotizza già che altri produttori come Samsung alla fine seguiranno l’esempio, nonostante le dichiarazioni contrarie. Google sta comodamente aggirando la questione e si sta invece concentrando sugli sforzi per bandire completamente la plastica dai suoi prodotti entro il 2025, almeno per quanto riguarda il loro imballaggio.

Quasi tutti concordano sul fatto che la plastica fa male all’ambiente, ma sbarazzarsene è più facile a dirsi che a farsi. Anche se possiamo fare personalmente la nostra parte per ridurre l’uso di questo materiale, c’è poco che possiamo fare per incoraggiare le aziende a fare lo stesso, se non per sostenerle. Anche i nostri smartphone, che sono per lo più di metallo, usano un po’ di plastica, soprattutto nelle scatole di cartone che contengono.

L’anno scorso Google si è impegnata a includere materiali riciclati in tutti i suoi prodotti Made By Google entro il 2022, un elenco che comprende smartphone Pixel, computer Pixelbook, altoparlanti connessi a Google Home, prodotti Nest e accessori come gusci di smartphone e supporti di ricarica.

Oggi l’azienda ha annunciato di aver raggiunto uno dei suoi obiettivi prima del previsto: tutti i nuovi prodotti Pixel e Nest sono ora realizzati con materiali riciclati, secondo David Bourne di Google. Ciò non significa che i suoi prodotti siano realizzati interamente con materiali riciclati, ma almeno includono materiali riciclati da qualche parte nel prodotto.

Secondo Google, il guscio posteriore del Pixel 5 è fatto al 100% di alluminio riciclato, e il nuovo Nest Audio è fatto al 70% di plastica riciclata, con la resistente copertura in tessuto che ha introdotto con il Nest Mini l’anno scorso. E sul nuovissimo termostato Nest Thermostat, la piastra di montaggio (la parte che si attacca alla parete) è realizzata in plastica riciclata post-consumo.

“L’attenzione di Google nell’incorporare materiali riciclati nella progettazione dei suoi prodotti non solo sostiene il suo impegno per la sostenibilità, ma permette anche ai suoi partner della catena di fornitura di investire e sviluppare con fiducia questi materiali in modo che anche l’industria dell’elettronica di consumo possa utilizzarli “, ha detto Bourne in un comunicato.

Inoltre, l’azienda si impegna a utilizzare materiali riciclati o rinnovabili in almeno il 50% della plastica utilizzata in tutti i suoi prodotti hardware entro il 2025. Entro il 2025, Google si impegna anche a rendere le confezioni dei suoi prodotti al 100% senza plastica e riciclabili al 100%. “Abbiamo già ridotto l’uso della plastica nei nostri imballaggi dal 2016, ma abbiamo ancora molto lavoro da fare per raggiungere questo nuovo obiettivo “, ha detto Bourne, aggiungendo che l’azienda dovrà “trovare materiali alternativi e riciclabili ” che proteggano comunque i suoi prodotti.

Questo probabilmente solleverà anche domande sugli accessori che vanno nella scatola dello smartphone Pixel, anche se gli obiettivi di Google gli danno una via d’uscita. Non c’è bisogno di dimenticare il caricabatterie. Assicuratevi solo che sia fatto con materiali riciclati o rinnovabili.

Certificazione “Zero rifiuti in discarica

E Google dice che sta lavorando per ottenere la certificazione “zero rifiuti da smaltire in discarica” in tutti i suoi siti di produzione di assemblaggio finale entro il 2022, il che significa che la maggior parte dei rifiuti provenienti da queste operazioni saranno riciclati.