Fresatura su legno: primi passi

Fresatura su legno primi passi

Guida alla fresatura per principianti

La fresatura è una delle lavorazioni fondamentali mediante la quale si ricava da un pannello o da un pezzo di legno un manufatto finito che corrisponde alle particolari esigenze del professionista o dell’hobbista.

Per eseguire la fresatura è necessario l’ausilio di un macchinario che può essere un pantografo robotizzato come una toupie, ma se ad agire è un hobbista si tratterà probabilmente di un semplice e performante pantografo manuale. Concentriamoci su quest’ultima opzione e vediamo insieme una guida alla fresatura per principianti e quali sono i segreti di questa lavorazione al fine di ottenere un buon risultato e soprattutto non patire infortuni che talvolta possono essere anche gravi. Nell’ambito di quanto detto vediamo come scegliere la migliore delle frese per legna in base all’elettroutensile in dotazione e alle proprie capacità manuali.

Cosa serve per fresare sul legno

Per eseguire incastri, scanalature, sagomature o altre lavorazioni su un pannello preventivamente squadrato o su di un pezzo di legno piallato e già dimensionato a dovere è necessario possedere almeno un’elettrofresa manuale, un utensile che può funzionare con alimentazione di rete o batteria al litio a seconda dei modelli. Parliamo di una macchina con motorino da 50 Hz tarato generalemente per girare ad almeno 20 mila giri, regolabili tramite apposito attenuatore; i modelli più moderni montano anche un inverter, utile per consumare meno corrente in fase di spunto ed evitare pericolosi contraccolpi. Questi elettroutensili montano frese per legno che possono avere un gambo la cui sezione è variabile da 6 mm a oltre 20 mm; ovviamente gli utensili più grandi e capaci di asportare più materiale in una sola passata devono essere più robusti, ma allo stesso tempo necessitano di più potenza e di un utilizzatore sicuro e deciso in fase di esecuzione.

Come utilizzare l’elettrofresa e le frese per legno

Vediamo come affrontare un paio di lavorazioni semplici e utili: supponiamo di dover unire due pannelli a 90 gradi e di voler eseguire una scanalatura precisa per tutta la lunghezza degli stessi; in alternativa, vediamo poi come eseguire alcuni fori che hanno il medesimo scopo. Nel primo caso è necessario montare sull’elettroutensile una punta di sezione adeguata che possa asportare materiale sia in fase d’ingresso che in senso longitudinale; una volta eseguita tale operazione mediante le chiavi previste e con un serraggio corretto, non resta che allestire la macchina con la guida in dotazione, utile per fresare in modo retto e preciso, ma anche per forare.

A questo punto è necessario tarare la profondità di fresata approfittando del rocchetto presente sul’elettrofresa; l’operazione si può eseguire anche a macchina spenta. La fresatrice è pronta per essere avviata ed eseguire la lavorazione: inserire la punta all’inizio dell’area di fresata facendo attenzione a tenere ben salde le mani, sia quella che tiene la guida che quella che spinge la testa; la manovra deve essere decisa e sicura, ma allo stesso tempo richiede controllo della forza e delicatezza, pertanto è necessaria un minimo di pratica.

Una volta che la punta incide il materiale è necessario raggiungere la profondità desiderata, tenendo presente di dover scaricare la punta dai trucioli per ogni centimetro di discesa; in caso contrario il rischio è di ricevere contraccolpi dannosi sia per la macchina che per il pezzo in lavorazione. In questo modo è facile eseguire la foratura, nonchè cominciare la fresatura longitudinale: in quest’ultimo caso non resta che proseguire in linea retta per la lunghezza desiderata una volta che la punta ha terminato la discesa.

Nel caso si avverta uno sforzo eccessivo durante la lavorazione è possibile eseguire quest’ultima in più passate, variando la profondità della stessa scanalatura fino a raggiungere l’obiettivo prefissato. Per fresare in sicurezza è inoltre importante tenere presenti alcuni segreti:

  • l’utensile ha un senso di rotazione, il più delle volte orario salvo casi particolari (preferiti per allestire frese antistrappo che lavorano controvena; è il caso della tenonatura da eseguirsi con macchine professionali). Per questa ragione è bene fresare procedendo da destra verso sinistra quando la macchina è interposta fra il corpo e il pezzo in lavorazione;
  • collegare un’aspiratore è fortemente consigliato anche per diminuire lo stress causato dalla polvere e dai trucioli durante l’esecuzione di ogni scanalatura;
  • gli utensili poco affilati o di cattiva qualità compromettono l’esecuzione di qualsiasi incastro, nonché la sicurezza dell’operatore.